I migliori testi di John Fante di sempre

Libri TOP ha preparato per voi la selezione dei più famosi libri di John Fante di sempre.

Questa classifica si basa sui testi di John Fante più acquistati sul mercato nell’ ultimo mese.

🏆Migliori libri di libri di John Fante: classifica

Offerta 5%Bestseller No. 1
La confraternita dell'uva
  • Fante, John (Author)
Offerta 5%Bestseller No. 2
Aspetta primavera, Bandini
  • Fante, John (Author)
Offerta 5%Bestseller No. 3
Chiedi alla polvere
  • Fante, John (Author)
Offerta 5%Bestseller No. 4
Offerta 5%Bestseller No. 5
La strada per Los Angeles
  • Fante, John (Author)

🏷️💲Libri di John Fante in promozione

Testi di John Fante in sconto:

Offerta 5%Bestseller No. 1
La confraternita dell'uva
  • Fante, John (Author)
Offerta 5%Bestseller No. 2
Aspetta primavera, Bandini
  • Fante, John (Author)
Offerta 5%Bestseller No. 3
Chiedi alla polvere
  • Fante, John (Author)

🥇Il miglior libro di John Fante: la nostra scelta

Selezionare il Miglior libro di John Fante potrebbe essere più difficile di quanto si pensi. Detto questo, in base al nostro giudizio abbiamo selezionato quello che per il nostro punto di vista La confraternita dell'uva al prezzo di 12,35 EUR è il migliore libro di John Fante disponibile su Amazon:

Offerta 5%Il migliore
La confraternita dell'uva
  • Fante, John (Author)
4,2 su 5

Opinioni dei lettori

5 stelle 51%   4 stelle 35%   3 stelle 5%   2 stelle 4%   1 stella 5%  

leonardo
A me sembra un cacatoio !
Come titolo di una recensione puo' sembrare fuorviante ... Pero' questa e' la frase che mi ha fatto ribaltare dal ridere in un capitolo che e' all'apice della bellezza narrativa del romanzo (la frase e' ovviamente tagliata per non svelare il contenuto). Un libro intimo, profondamente italiano, che descrive il rapporto fra il padre di john fante e tutta la famiglia. Bello.

elisina9
Bel libro
Libro divertente su uno spaccato della storia italiana al di là dell'Oceano. All'inizio l'ho trovato poco scorrevole, ma, procedendo nella lettura, ho capito la genialità che ha tanto incantato Bukowski.

Massimo
Bellissimo spaccato degli immigrati italiani negli USA
Romanzo molto interessante di John Fante che non si discosta molto dai temi di quelli della serie dedicata a Bandini. Storie autobiografiche di uno scrittore che si ritrova a dover gestire i rapporti con la famiglia di origini italiane emigrata negli Stati Uniti in un'epoca in cui gli italiani erano guardati con sospetto. Il romanzo scorre benissimo e ci sono alcuni momenti anche molto divertenti che sanno fotografare con ironia situazioni magari non molto piacevoli.

Diego Luison
Forse il più bel romanzo di Fante
La narrazione in prima persona, tratto caratteristico di quasi tutto Fante, garantisce ironia e diverimento, unitamente a malinconia e profondità del rapporto padre-figlio. Si legge velocemente, lo stile di Fante è immediato e asciutto, solo in qualche frangente si lascia andare con qualche finezza stilistica. Assolutamente da leggere.

Davide Cesaretti
Tanta aspettativa, PIENAMENTE ripagata!
Questo libro, ruota intorno al rapporto tra un padre burbero dai modi " forti" che ha passato una vita bevendo insieme alla sua " confraternita", ed un figlio scrittore del tutto diverso.
Nick Molise ha intrapreso una vita insana, tra l' alcolismo, l infedelta' ma soprattutto nel sottrarsi nell essere quel padre premuroso e benevolo che i figli avrebbero meritato di avere.
La grande maestria di Fante nel farti vivere in prima persona le emozioni e le vicissitudini che colgono i protagonista viene subito a galla.
Nel leggere queste pagine non potrai non sentirti parte della famiglia Molise e della loro storia condizionata da questo padre " pazzo" per l alcool e dal fare discutibile.
Concludo col riportare un pezzo tratto dalla prefazione di Vinicio Capossela: " Ci sono scrittori che si limitano a intrattenerti, portarti a spasso con la propria scrittura, ma pochi mettono addosso questa voglia fisica si scrivere! Scrivere, battere a macchina. Diventare scrittore, piu' di ogni altra cosa."
John Fante, grazie.
P.s. fa riflettere come gli immigrati italiani negli U.S.A. venivano etichettati come criminali a prescindere.
Indimenticabile la scena dove Henry conosce suo suocera.

Tiziana P
Bello
Se vi piace J. Fante non potete non leggerlo. Bello, diretto ironico e un po' cinico a volte, ma anche profondo in alcune riflessioni. Bellissimo

Gabriele
Meraviglioso Fante
Articolo arrivato nei tempi previsti e non danneggiato.
Per gli amanti di Fante questo libro è una bellissima storia di rapporto conflittuale padre-figlio.
Libro consigliato.

Cliente Amazon
personaggi presentati senza introspezione
Lo stile dell'autore è molto piacevole e accattivante. La lettura corre liscia, liscia.
I personaggi e la vicenda però sono un po' troppo stereotipati. Il fulcro del racconto, Nick Molise, il padre, è un personaggio negativo senza alcun ripensamento. Il suo egoismo smisurato non ha cedimenti. Dopo aver seminato una vita di vuoto e cinico autocompiacimento senza alcuna deroga, ecco che i valori fondanti della famiglia impediscono una sua condanna senza riserva. In virtù di cosa Henry, il figlio, si mette a disposizione del padre per la sua ultima disperata, insulsa avventura professionale? Perché cede al richiamo del dovere filiale? Solo un sordo, attaccamento ingiustificato: la famiglia per la famiglia. Il profilo psicologico dell'altro figlio, Mario, è più umanamente apprezzabile: vittima del padre, lo ricambia con un comportamento distaccato e insensibile, seppure sempre alla ricerca di un'apparente rispettabilità.
I momenti critici della vicenda, le emozioni si risolvono passando dal pianto alla sbornia. Scarsi i tentativi di analizzare le situazioni psicologiche dei personaggi. Tutto si riduce a reazioni poco comprensibili.
Sullo sfondo la considerazione della comunità italiana in California trattata sulla base di un modello convenzionale, scontato.
Pure il sesso si riduce a un semplice meccanismo. Il padre che si trova a scopare chiunque e in qualsiasi occasione. Il figlio che tenta una maldestra imitazione senza alcuna apparente motivazione se non l'istinto indotto e trova lo squallore di un'infermiera, professionale anche in questa circostanza.
Insomma, il mio modesto seppure severo giudizio si limita a una narrazione che trova i suoi personaggi senza una vera anima, senza un'adeguata analisi introspettiva.

leggi tutte le recensioni

Approfondimento su John Fante

John Fante (Denver, 8 aprile 1909 – Los Angeles, 8 maggio 1983) è stato uno scrittore e sceneggiatore statunitense.

Leggi anche

Ultimo aggiornamento 2020-05-20 at 17:20 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API